Danzatore Luca Basto

Sono nato in Sardegna. La mia carriera da danzatore inizia a 8 anni, nella mia stanza con l’imitare il famoso contante, ballerino Michael Jackson. All’età di 14 anni ho iniziato a pratticare la Break Dance insieme ad un gruppo di amici.
Ai 18 anni sono partito a roma per iniziare a lavorare nel mondo dello spettocolo come ballerino professionista. Nel 2002 sono entrando a far parte del famoso programma televisivo “Saranno Famosi” diretto da Maria De Filippi, sotto la regia del regista Roberto Cenci. In quel periodo ho iniziato a studiare l’arte della Danza Contemporanea guidato dal ballerino coreografo Steve La Chance.
Nel 2003 ho iniziato a lavorare come ballerino e danzatore in diverse turné svolte in tutta Italia insieme ad alcuni compagni del programma “Saranno Famosi”. Sucessivamente ho iniziato a lavorare all’interno dei teatri e dei festiva, lavorando come primo ballerino e assistente coreografo con il Coreografo Sud Americano Juan Diego Puerta Lopez nello spettacolo “CARNE” eseguito nel “Festival dei due mondi” a Spoleto. Ho lavorato come dallerino acrobata nel musical di Bruno Lauzi “una volta nella Vita“.
Durante gli spettacoli ho svolto innumerevoli workshop in diverse scuole di danza a Roma, Napoli, Battipaglia e Sicilia.
Nel 2008 ho abbandonato il mondo della danza in Italia per partire in andalusia a Granada e sperimentare l’arte di strada. Ho insegnato Danza Contemporanea e HipHop in diverse scuole di danza di Granada e svolto diversi workshop in diverse scuole presenti a Cadice.

Nel 2015 sono tornato in Sardegna per iniziare a sperimentare un nuovo stile di danza a pieno contatto con la Natura idealizzando una filosofia del movimento basata sulla dinamica.
In Sardegna ho insegnato danza contemporanea, hiphop e BreacDance in diverse scuole di danza del mio territorio.
Nel 2019 ho vissuto in diverse regioni del Senegal che mi hanno dato la possibilità di scoprire le radici della danza. Nel 2020 sono tornato in Sardegna e ho iniziato ad insegnare Afro Danza.

IL MIO STILE

Lo stile che ho appreso lo devo alla natura e alla pratica in solitudine. Questi due componenti mi hanno permesso di asservare in silenzio e profondità alcune delle leggi fondamentali del corpo e le sue dinamiche.

CIò CHE INSEGNO DURANTE I MIEI WORKSHOP

Nelle mie lezioni c’e una grande parte filosofica sulla danza e il movimento. Reputo di fondamentale importanza trasmettere alle persone come ognuno di noi possa curare e ritrovare se stesso all’interno della natura attraverso il proprio corpo. Come poter sbloccare i propri blocchi emotivi e fisici attraverso la danza svolta in solitudine e il perché l’importanza di svolgere questi rituali benefici in Natura.
Nella fase pratica il riscaldamento inizia con un potenziamento graduale con esercizi di natura dinamica rivolti a sviluppare forza, agilità ed esplosività. Segue una fase prolungata di stiramenti legati alla respirazione per terminare con una meditazione.
La danza inizia con dei movimenti semplici provenienti dalle danze tribali africane, per poi andare a sperimentare tecniche sempre più complesse e come generare l’energia per eseguire determinati movimenti.
La lezione termina con l’apertura di un dibattito tra domande curiosità e incertezze.